Le ultime ore di attesa Loris Rispoli le passa in treno. Lui e gli altri familiari delle 140 vittime del Moby Prince stanno andando a Roma, destinazione Senato, per ascoltare le conclusioni della commissione d’inchiesta che dal 2015 lavora per far luce sul disastro avvenuto la notte del 10 aprile del 1991 a due miglia e mezzo dal porto di Livorno, quando il traghetto Moby Prince entrò in rotta di collisione con la petroliera Agip Abruzzo. Delle 141 persone a bordo del traghetto se ne salvò soltanto una, il mozzo.

“Finalmente vediamo riconosciute le nostre ragioni – afferma Loris Rispoli, presidente dell’associazione dei familiari delle vittime del Moby Prince “140” – per 27 anni abbiamo denunciato le responsabilità dietro a queste morti”.

I familiari non sono soli in questo viaggio: “Basta guardare il mio telefono e vedere quante centinaia e centinaia di persone ti testimoniano questa vicinanza – dice Rispoli – Io credo che la commissione abbia raggiunto un altro scopo importantissimo, quello di ricordare a questa Italia che c’era una verità da cercare”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Moby Prince, dopo 27 anni le risposte della commissione di inchiesta: “Emozionante. Verità storica ribaltata”

prev
Articolo Successivo

Treno deragliato a Pioltello, Maroni arriva sul luogo dell’incidente. E la Polfer porta via i bagagli dei passeggeri

next