Nella giornata di oggi a Pescara al ‘Villaggio Rousseau’ Luigi Di Maio presenterà i punti del programma di governo M5s e svelerà alcuni nomi dei candidati che correranno alle elezioni, dopo le ‘parlamentarie‘ pentastellate. Intanto stamane sono arrivati due candidati sicuramente noti come Emilio Carelli ed il Comandante Gabriele De Falco. Carelli, ex direttore di ‘Sky TG24‘ prima afferma che non può parlare con i giornalisti – come da ferrea regola delle ‘parlamentarie’, che prevede che i candidati non possano rilasciare interviste prima della proclamazione di Di Maio, salvo autorizzazione dello staff M5s – poi, dopo l’ok a rispondere alle domande, Carelli racconta cosa l’abbia convinto a ‘scendere in campo‘ e che nei rapporti ricchi di contrasti anche aspri tra il Movimento e la stampa, da esponente del M5s afferma: “Essendo io un giornalista, potrei anche pormi l’obiettivo di migliorare questi rapporti”. Dopo di lui arriva il Comandante Gabriele De Falco, diventato noto per la sua esortazione all’ex comandante Francesco Schettino durante il naufragio della Costa Concordia. Ma De Falco, preferisce attenersi alle regole: “Parliamo dopo”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Elezioni 2018, il circo osceno della politica per un popolo imbecille

prev
Articolo Successivo

Sondaggi, centrodestra sopra 35% con primato di credibilità. M5s unico argine. Il Pd crolla al 22,3% insieme a Renzi

next