Grillo e Di Maio scrivono insieme sul blog un post (leggi l’articolo) in cui ribadiscono che “la sera delle elezioni, se non dovessimo aver raggiunto la maggioranza assoluta, faremo un appello pubblico a tutti i gruppi e chiederemo di dare un governo a questo Paese sui temi”. Strategia annunciata prima delle elezioni e non priva di rischi. Ma per Nicola Morra, al ‘Villaggio Rosseau’ in corso a Pescara: “Tutto è rischioso, ma noi abbiamo il dovere di sottoporre a tutti gli altri la nostra offerta politica, magari facendo un cronoprogramma, come si fa in Germania”. Ma questo comporterebbe la nascita di una ‘grosse koalition‘? Non secondo Morra, che spiega: “Molte volte abbiamo votato nel corso di questa legislatura, una volta con una parte politica, una volta con un’altra”. Insomma, le cosiddette ‘maggioranze variabili‘. Inapplicabili, però, per ottenere la fiducia delle Camere. “Sì è vero, ma io ricordo ‘governi di minoranza’ con situazioni parlamentari particolari, che in Aula volta per volta, acquisivano i numeri sufficienti. Il punto è – continua il Senatore penstastellato – che noi la dobbiamo smettere di dare la fiducia a persone che ce la vengono a chiedere e sono le stesse che ci hanno svenduto”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Berlusconi massacra “la setta”: “M5s? Quelli del ‘contrordine’, dei diktat di un vecchio comico e del figlio del suo socio defunto”

next
Articolo Successivo

Elezioni 2018, l’Armata Brancalusconi alla conquista di Roma

next