La legge Fornero è l’unico punto del programma su cui abbiamo da discutere con la Lega: Salvini insiste per l’azzeramento della legge Fornero, noi insistiamo sull’azzeramento degli effetti negativi“. Lo ha dichiarato Silvio Berlusconi a L’Aria che tira, su La7. Ma poco prima, ai microfoni di Ecg Regione (Radio Cusano Campus), il capogruppo alla Camera dei Deputati per Forza Italia, Renato Brunetta, si è pronunciato diversamente: “L’abrogazione della legge Fornero è una ipotesi assolutamente percorribile. La collega e amica Fornero si è trovata in un momento particolare, con la pistola puntata alla tempia dall’Europa, che cercava nel controllo dei conti pubblici la risposta a una speculazione finanziaria, quella sullo spread. E si è trovata a fare una legge forse sostenibile dal punto di vista finanziario, ma non sostenibile dal punto di vista sociale. La legge Fornero è piena di errori e piena di passaggi insopportabili. Pensiamo agli esodati”. E ha aggiunto: “Questa legge con una mano tagliava e con l’altra spendeva. La cosa più grave che ha prodotto è stata una: l’allarme sociale. Ho avuto molto rispetto per il pianto della mia amica Elsa Fornero, però quando si fa una legge, non si piange e soprattutto non si può far piangere i destinatari della legge”. Poi Brunetta ha chiosato: “E’ stato assolutamente ingiusto fare una legge insopportabile dal punto di vista sociale in campo pensionistico. E’ giusto cancellare la legge Fornero, riformarla totalmente, riscriverla totalmente, per fare una revisione totale del welfare pensionistico”.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

A sinistra c’è Potere al Popolo. E non vuole alleanze: “LeU? Corteggia il Pd. M5S ambiguo”. Ma aspetta De Magistris

next
Articolo Successivo

Elezioni, Boldrini vs D’Alema: “Governo del presidente? Così si disincentivano le persone ad andare a votare”

next