Ospite di Myrta Merlino a L’Aria che Tira (La7), Silvio Berlusconi esordisce denunciando, come sempre, il pericolo del M5S: “Mi sento un giovane in campo. Mi sono sempre stancato della politica, non mi è mai piaciuta e non mi piace assolutamente neppure adesso. Ma ho sempre sentito forte il dovere di essere in campo, adesso perché il Paese non finisca nelle mani di una setta pericolosa che si chiama 5 stelle e che distruggerebbe il Paese e il ceto medio con ogni tipo di tassa”. Nel caso poi la corte di Strasburgo dovesse giudicarlo candidabile, Berlusconi sentirebbe “il dovere di tornare a Palazzo Chigi”. Ma aggiunge: “Lo ritengo poco probabile, perché conosco i tempi delle decisioni della corte di Strasburgo. Se andassi a Palazzo Chigi, Salvini potrebbe andare bene al ministero dell’Interno, centravanti da sfondamento qual è. Se invece non sarò al governo, ci sarà un autorevolissimo primo ministro, che saprà certamente dirimere tutti i contrasti. Ho un nome nel cassetto, ma non lo rivelo assolutamente”. E sottolinea: “Non si può uscire dall’euro e anche Salvini ne è assolutamente convinto, penso che usi diplomaticamente questo strumento per far paura all’Europa che, con un’altra uscita, sarebbe finita. L’unico punto del programma su cui abbiamo da discutere io e Salvini è la legge Fornero. Salvini insiste sull’azzeramento della legge, noi insistiamo sull’azzeramento dei suoi effetti negativi”. Commento finale sulle dichiarazioni rese ieri a Otto e Mezzo dall’imprenditore Carlo De Benedetti: “Ci siamo sentiti e lui con me non è stato affatto sprezzante. Gli avevo detto che volevo telefonare ai direttori dei suoi giornali per correggere certe loro posizioni. E lui mi ha detto: ‘Fallo pure’. Su De Benedetti io direi che ‘de minimis non curat praetor’. E’ una cosa assolutamente minore. C’è gente che si diverte a fare battute e a dare pagelle come Scalfari e chi, come me, si rimbocca le maniche e lavora sodo per restituire la democrazia nel nostro Paese”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Elezioni 2018: italiani bamboccioni! E anche un po’ rincoglioniti

prev
Articolo Successivo

M5S, Di Maio a Radio24: “L’attacco di De Benedetti? Lo metto nel curriculum”. “Caos Parlamentarie? Non è vero”

next