Wendi Deng, ex moglie del magnate dei media Rupert Murdoch, potrebbe essere un’agente segreto della Cina. È il sospetto dei funzionari dell’Fbi, l’intelligence americana, che all’inizio del 2017 informarono Jared Kushner, genero di Donald Trump, della possibilità che la donna d’affari potesse sfruttare la stretta amicizia con lui e la moglie Ivanka Trump per promuovere gli interessi di Pechino. A riferire i sospetti degli 007 è il Wall Street Journal, quotidiano di proprietà dello stesso Rupert Murdoch, che cita fonti vicine al dossier.

In particolare, il Wsj sostiene che Wendi Deng avrebbe fatto fatto pressioni sul genero e la figlia dell’attuale Presidente degli Stati Uniti perché il governo cinese potesse realizzare, a sue spese, un’area da 100 milioni di dollari all’interno del National Arboretum, il giardino botanico di Washington, in cui sarebbe sorta una torre di oltre 25 metri d’altezza. Struttura – sospettano gli 007 – che sarebbe servita per attività di spionaggio sia sulla Casa Bianca che su Capitol Hill, la sede del Congresso americano, entrambi in linea d’aria a meno di 8 chilometri di distanza.

Rupert Murdoch divorziò da Wendi Deng nel 2013, dopo le voci su un rapporto tra la donna e l’ex premier britannico Tony Blair, ma si dice che la donna fosse ancora molto influente nonostante il divorzio. Il quotidiano precisa anche che questo avvertimento è arrivato a Kushner un anno fa, quando ha assunto il ruolo di Consigliere del suocero Donald Trump. Da parte sua, Wendi Deng ha fatto sapere al Journal di non essere a conoscenza dei sospetti dell’Fbi su di lei e sui progetti finanziati dal governo cinese. Sulla vicenda è arrivato anche il “no comment” dell’ambasciata cinese a Washington.

Il Fatto Internazionale - Le notizie internazionali dalle principali capitali e il dossier di Mediapart

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

TRUMP POWER

di Furio Colombo 12€ Acquista
Articolo Precedente

Cile, il difficile viaggio di Papa Francesco: nel Paese crollata la fiducia nella Chiesa “Chiedo perdono per i casi di pedofilia”

next
Articolo Successivo

Kosovo, ucciso in agguato leader serbo. Belgrado sospende i colloqui a Bruxelles. Cresce la tensione nel Paese

next