Più di 35.000 euro sono stati donatiper coprire le spese mediche di Isaac, un bambino italiano di 3 anni e mezzo, nato a sole 25 settimane di gestazione. La nascita prematura ha portato il bambino ad avere una stenosi laringea e una paralisi delle corde vocali. Per questa ragione Isaac ha vissuto con una tracheotomia fino ai 3 anni e nonostante gli interventi già effettuati a Milano la situazione non si è ancora risolta. La mobilitazione in favore del bambino è nata e si è diffusa velocemente a partire dal sito di crowdfunding Gofundme.

Dal 23 dicembre Isaac è ricoverato per polmonite e attualmente si trova in rianimazione. Ecco cosa si legge sulla pagina della campagna:

“Io e mio fratello siamo nati tanto, troppo piccoli; quando siamo venuti al mondo la mia mamma era appena arrivata a 25 settimane di gestazione e io pesavo solo 560 gr mentre mio fratello Ismael 775. Per non farci mancare nulla la mamma ha avuto un arresto cardiaco durante il cesareo: papà dice sempre che noi siamo i suoi tre miracoli. Ai tempi mamma e papà ci avevano nominato bottigliette perché eravamo lunghi solo 21 e 23 cm, esattamente quanto una bottiglia da mezzo litro di acqua. Ora l’unica mia speranza è che io riesca ad andare in Svizzera dal Professore che ci è stato indicato come il migliore nel campo delle alte vie aeree”.

Negli ultimi 20 anni le nascite di bambini prematuri sono in aumento. Ogni anno, in Europa, terminano troppo in anticipo, oltre 500mila gravidanze, 50mila in Italia e circa 15 milioni in tutto il mondo. La maggior parte dei prematuri viene al mondo dopo la 32esima settimana, mentre circa il 2% nasce prima, in alcuni rari casi – come nel caso di Isaac e suo fratello – già dopo la 20esima.
Isaac per poter respirare in autonomia ha bisogno di più interventi di laringoplastica e per questo i suoi genitori hanno iniziato una campagna di crowdfunding su Gofundme.

L’intenzione è quella di far operare Isaac in Svizzera, presso un centro specializzato per le vie aeree e questo richiederebbe un trasporto su un’ambulanza specializzata o su un elisoccorso adatto. I genitori assicurano che tutti i fondi raccolti sulla pagina della campagna verranno usati per le visite, gli interventi e tutto ciò che Isaac dovrà affrontare in futuro per la sua salute.
Si spera che grazie all’iniziativa di solidarietà diffusasi rapidamente sul web, Isaac possa ben presto iniziare a vivere la sua vita in salute.