L’accordo tra Pietro Grasso e Nicola Zingaretti, per costruire un nuovo centrosinistra nelle elezioni della regione Lazio, ci dice cosa sia Liberi e Uguali più di mille discorsi.

In primo luogo qualcuno ha capito le vere ragioni per cui LeU fa l’accordo con il piddino Zingaretti nel Lazio e non lo fa con Gori (sempre Pd) in Lombardia? Qualcuno conosce qualche punto programmatico che Zingaretti ha concesso a Grasso e che invece sarebbe stato negato da Gori? Nessuno. Anche perché in campagna elettorale, una promessa non si nega a nessuno. Il primo dato è quindi questo: i famosi contenuti di sinistra che vengono sbandierati non sono altro che la foglia di fico con cui viene coperto un accordo che in realtà è puramente di schieramento: Giorgio Gori è renziano e quindi non si può appoggiare, Zingaretti è diversamente renziano, arriva dalla ditta, e quindi si può, anzi, si deve appoggiare. A prescindere dai contenuti e da cosa ha fatto Zingaretti. La ragione di esistenza di LeU è quindi in primo luogo una battaglia di potere tra diverse cordate dei ceti politici del centrosinistra.

In secondo luogo, secondo voi perché tra Pd e LeU viene fatto un accordo nella regione dove si vince (Lazio) e non viene fatto nella regione dove si perde (Lombardia)? Perché dove governano insieme LeU è indistinguibile dal Pd e dove il centrosinistra non tocca palla da decenni Grasso sembra uno di Lotta continua? Banalmente perché governare una regione significa avere assessori, posti nei consigli di amministrazione, governo e sottogoverno. Non a caso LeU sta al governo nella stragrande maggioranza delle regioni e delle città dove il Pd governa. A prescindere dai contenuti. Lo schieramento vale quindi fino ad un certo punto, perché il potere a livello locale non si molla. Le motivazioni, più che di sinistra, iniziano ad apparire sinistre.

A partire da queste due considerazioni mi pare emerga più compiutamente la ragione sociale di LeU: non un partito di sinistra per costruire la sinistra, ma un partito formato dal personale politico marginalizzato da Renzi e che intende sconfiggere il toscano per avere nuovamente voce in capitolo nel nuovo centrosinistra. Un’aggregazione contro Renzi che riunisce coloro che hanno perso potere o che temono di perderlo nella rottamazione renziana. Non a caso non abbandonano alcuna postazione di potere che hanno in virtù degli accordi con il Pd, semplicemente cercano di cambiare il capo del Pd per costruire un nuovo centrosinistra. Diciamolo chiaramente: LeU non è un partito di sinistra ma una cordata di dirigenti del centrosinistra in conflitto con Renzi sul potere più che sui contenuti.

Infatti LeU potrebbe essere considerata una nobile impresa se il centrosinistra fosse stata una buona cosa rovinata con l’arrivo del giovane guascone toscano. Il punto fondamentale è proprio questo: Renzi indubbiamente è un personaggio di destra, ma le politiche di destra il centrosinistra non le ha cominciate con Renzi ma molto prima. Sono cominciate con il SI ai trattati di Maastricht all’inizio degli anni 90, con le guerre umanitarie e le privatizzazioni di D’Alema, sono proseguite con le liberalizzazioni ad alta velocità di Prodi e Bersani, per arrivare fino alla Fornero e al pareggio di bilancio in Costituzione. Il centrosinistra, a livello italiano come europeo, è l’artefice dei trattati neoliberisti che hanno portato l’Europa al disastro e che hanno aperto la strada alla guerra tra i poveri in cui sguazzano razzisti, fascisti e nazisti di ogni paese. Il centrosinistra faceva schifo già prima di Renzi, questo è il problema. Grasso dice che Renzi ha attuato le politiche di Berlusconi. È vero e infatti l’abbiamo sempre combattuto. Peccato che Bersani e D’Alema abbiano fatto le politiche di Berlusconi con Berlusconi e che il governo Monti messo in piedi da Napolitano, D’Alema e Bersani, abbia fatto le peggiori schifezze contro i lavoratori e il popolo italiano.

LeU non è quindi una proposta politica di sinistra ma una cordata di ceto politico finalizzata alla ricostruzione del centrosinistra, quello che ci ha portato in questo disastro. Se Renzi è il problema, D’Alema e Bersani non sono la soluzione.