È morto all’età di 67 anni Andrea Fabbri, erede della storica azienda bolognese famosa per il suo gelato all’amarena. Presidente del consiglio d’amministrazione della Holding del Gruppo Fabbri, guidava la società da oltre vent’anni insieme ai cugini e al fratello. Andrea Fabbri si è spento il 6 gennaio dopo una lunga malattia. Sposato con Beatrice, padre di Stefania e Camilla, nonno di due nipotini, era nato a Bologna il 5 luglio 1950.

Il suo impegno in Fabbri, iniziato da giovanissimo dopo la laurea in Legge, è proseguito ininterrottamente per 44 anni fino a diventare il massimo riferimento del gruppo alimentare della famiglia, che svolge le proprie attività con società filiali nei 5 continenti, incarico che ha ricoperto con impegno fino a pochi giorni fa. La Fabbri 1905 è stata fondata 118 anni fa dal suo bisnonno Gennaro ed è famosa per i suoi sciroppi e gelati, in particolare quello all’amarena: imbottigliato in speciali vasi di ceramica decorati di blu e bianco, è diventato il simbolo dell’azienda.

 

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Lotteria Italia, i 5 milioni vinti ad Anagni. Poi Milano e Roma. Tutti i biglietti fortunati

prev
Articolo Successivo

Roma, attivisti rimuovono i dissuasori anti bivacco dalle panchine: “Essere poveri non è reato”. Ma il quartiere protesta

next