Imbavagliata e legata mani e piedi con dello scotch, lasciata nuda nel letto. Lin Suqing, 50enne di nazionalità cinese, è stata ritrovata morta in un appartamento ad Agropoli, nel Salernitano, in uno stabile tra via Risorgimento e via Caravaggio, in una zona centrale della città. La donna era residente nel Napoletano e pare che avesse affittato l’appartamento solo dal periodo natalizio. Secondo quanto emerge dalle prime indagini, riporta l’Ansa, la sua immagine compare su alcuni siti per appuntamenti. La vittima sarebbe quindi coinvolta nel mondo della prostituzione.

Sembra che il decesso sia avvenuto almeno tre, quattro giorni prima del ritrovamento, quindi è possibile che sia avvenuto a Capodanno. Ad allertare i carabinieri pare sia stato il proprietario della casa che non riusciva a mettersi in contatto con la vittima. Quando le forze dell’ordine della locale compagnia sono entrati in casa, hanno trovato la donna con mani e piedi legati con dello scotch. Lo stesso le copriva anche la bocca. La 50enne era nuda nel suo letto.

“Un delitto cruento e inspiegabile che ha sconvolto tutta la comunità”, ha commentato il sindaco di Agropoli, Adamo Coppola. “Lo stabile – racconta il primo cittadino all’Ansa – si trova in una zona centrale della città, nei pressi del lungomare“. “Speriamo che qualche telecamera dei negozi abbia catturato qualcosa di utile – auspica Coppola – per i carabinieri che indagano sull’accaduto”. “Siamo sconvolti da quanto accaduto, siamo una città tranquilla dove episodi del genere non avvengono”, ha poi concluso.