Confronto a Omnibus (La7) tra Andrea Lembo, candidato sindaco Pd di Campagna (Sa) e figlio del procuratore Capo di Salerno, Corrado, e Kawtar Barghout, giovane di origine marocchina, in Italia dall’età di due anni, e rappresentante dell’associazione Stop Radicalizzazione. Il dibattito è incentrato sulle prossime elezioni politiche. “Non avete idea della rabbia del popolo italiano, è incontrollabile” – afferma Barghout, balzata alle cronache per le sue durissime critiche alla legge sullo Ius Soli – “Per me andare a votare è un dovere, ci andrò sempre, anche con la bombola ad ossigeno. Lo facevo anche quando ero cittadina marocchina. Per queste elezioni, io non mi fiderei dei sondaggi. In passato, quanta gente diceva che non le piaceva Berlusconi? E poi alle urne si verificava il contrario. Dove sarà incanalata la rabbia delle persone? Nel centrodestra sicuramente, perché la sinistra ha tradito i suoi valori. M5s? Non mi convincono per niente, tra complottismo, No Vax e Grillo secondo cui l’Aids non esiste. Per me sono cose inaccettabili. Io sono per la serietà e la sobrietà. E i grillini non mi sembrano sobri“. Poi stigmatizza l’operato del Pd: “Non ha fatto niente per i giovani. Perché a nessuno vengono mai in mente le case a riscatto? Perché non fanno una politica del genere, visto che auspicano che i giovani debbano metter su famiglia? Gli diano una mano, allora. Perché gli altri Paesi lo fanno? Il bonus bebè di 80 euro? Non ti ci compri neppure i pannolini“. “Ci vogliono le case per fare gli appartamenti a riscatto”, obietta il giornalista Andrea Purgatori. “I soldi dello Stato dove vanno a finire?” – ribatte la giovane – “Servono case? Lo Stato le faccia”. L’ex segretario dei Radicali, Giovanni Negri, applaude l’intervento di Kawtar Barghout, mentre Andrea Lembo tenta di spiegare la politica del Pd. Ma la giovane lo interrompe: “Scusa se mi permetto: tu sei un figlio di papà. Questi problemi non li hai. Tu sei figlio di un magistrato, io vengo da una famiglia monoreddito con un padre operaio”

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Elezioni, la profezia di Negri (ex Radicali): “Vincerà Di Maio, Renzi sarà fatto fuori e ci sarà governo Grasso con M5s e Pd”

next
Articolo Successivo

+Europa, Antonio Di Pietro sul soccorso di Tabacci a Emma Bonino: “Cani e gatti insieme. Caro PD o mi dai 10 posti o…”

next