Elezioni politiche? Non è affatto vero che non vincerà nessuno”. Così a Omnibus (La7) esordisce nella sua disamina Giovanni Negri, ex segretario del Partito Radicale, poi entrato in duro contrasto con i compagni di viaggio. Fondatore del movimento La Marianna, Negri oggi aderisce al progetto politico Energie per l’Italia di Stefano Parisi. E nel talk show politico mattutino condotto da Gaia Tortora fa la sua previsione: “Il M5S ha risposto a una crisi epocale. La mia angoscia e la mia paura riguarda quello che ci sarà dopo il M5S, perché sarà chiaro che i soldi per il reddito di cittadinanza non ci sono. E il mio terrore è che si riproponga una storia già vista, perché siamo un popolo tanto buono, ma a volte anche un po’ crudele. La domanda dell'”uomo forte” può arrivare. Voglio comunque spezzare una lancia a favore dell’intelligenza di Beppe Grillo” – continua – “Non credo affatto che sia stupido e che faccia ministri questa gente del collettivo M5S o lo steward dello Stadio San Paolo, Di Maio. Alla fine, i ministri di Grillo, quando il M5S sarà partito di governo e metterà il doppiopetto, saranno giudici, uomini forti, tecnocrati, persone che sapranno gestire le masse, a loro volta deluse dall’assenza del reddito di cittadinanza”. Gaia Tortora ricorda gli esordi di un Negri giovanissimo alla dirigenza del Partito Radicale e obietta che la mancanza di esperienza non sia necessariamente un handicap. “C’era un partito che selezionava” – risponde Negri – “e non sceglieva come sono stati selezionati costoro, basti pensare al sindaco Raggi. Qua siamo al post-tutto. Però io dico che il M5S vince. Ha già detto che, se non arriva al 40%, è disponibile a governare con altri e che il presidente Grasso, ex giudice, è il suo interlocutore. In più, nel Pd la crisi mi pare evidentissima, tra i sondaggi unanimi e la richiesta odierna di Repubblica perché la Boschi si dimetta. Figuratevi cosa succederà a Renzi la mattina del 5 marzo, quando il Pd sarà passato dal 40% al 20%. Renzi verrà fatto fuori in una settimana e sarà sostituito da un Orlando, da un Franceschini, da un non so chi”. E aggiunge: “Mattarella affiderà doverosamente l’incarico di formare il governo al primo partito, cioè a Di Maio, che non ci riuscirà. Quindi, potrebbe dare l’incarico a Grasso, che cucirà una maggioranza M5S – Liberi e Uguali – Pd con Renzi fatto fuori. Questa è una maggioranza che può governare e sarà tenuta insieme da un governo di giudici, da una politica etica, da un buonismo valoriale, dal Davigo, dal Di Matteo, già candidato al Viminale. Altro che Dibba e questa gente qua. Il vero candidato è il pm Nino Di Matteo“. Poi chiosa: “Questa è la maggioranza che avanza, qualcuno sta per vincere. E’ l’unica maggioranza possibile, anche perché la larga intesa tra Renzi e Berlusconi non arrivano al 42% secondo i sondaggi”

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Fake news, D’Agostino: “M5s credulone? Anche elettori Pd hanno creduto alla Boschi, a Renzi e alle loro promesse”

next
Articolo Successivo

Elezioni, Barghout: “M5s? Non sono sobri, tra Grillo, No Vax e complottisti”. E a Lembo (Pd): “Sei un figlio di papà”

next