L’attrice australiana Cate Blanchett sarà la presidente della Giuria del festival cinematografico di Cannes 2018. Ad annunciarlo sono stati gli organizzatori della rassegna che quest’anno prenderà il via l’8 maggio. Vincitrice di due premi Oscar, Blanchett è stata tra le prime donne ad accusare di molestie sessuali il produttore hollywoodiano Harvey Weinstein ed è una delle promotrici dell’iniziativa Time’s Up, lanciata dopo lo scandalo per sostenere le vittime di abusi nel mondo dello spettacolo.

“Siamo molto onorati di dare il benvenuto ad un’artista unica e piena di talento”, scrivono in un comunicato congiunto il presidente del Festival, Pierre Lescure, e il delegato generale, Thierry Fremaux. Gli addetti ai lavori ritengono che la presidenza del Festival intenda, con questa scelta, sostenere la lotta alle molestie sessuali nell’ambiente. Blanchett sarà la dodicesima donna a presiedere la Giuria. L’ultima volta era stata 4 anni fa con la regista neozelandese Jane Campion. Cate Blanchett succede a Pedro Almodovar che, nel 2017, aveva assegnato la Palma d’oro allo svedese Ruben Ostlund per il film The Square.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Tutti i soldi del mondo, zero regia, zero scrittura, zero recitazione e zero pathos

prev
Articolo Successivo

Il ragazzo invisibile – Seconda Generazione, a Gabriele Salvatores basta impegnarsi un po’ per primeggiare tra i grandi

next