L’albero a cui tendevi
da Sindaca mano,
il pino menagramo
di Roma disonor…

E né la terra fredda,
E né la terra negra;
Né il sol più lo rallegra
Né lo risveglia amor.

Inane è ogni tuo sforzo
di innaffiarlo ancora,
che nulla lo ristora:
né luce né calor!

Tu fior della mia Giunta
Percossa e inaridita,
Albero senza vita
Estremo unico fior…

Oh pino sfortunato
Che i rami non raddrizzi
Susciti lazzi e frizzi

E inoltre sei durato
meno di un assessor

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

L’Italia potrà vendere i suoi monumenti a Stati esteri. È il bello della mondializzazione

next
Articolo Successivo

Mendicanti, da Trieste a Como ordinanze contro chi chiede elemosina. Volontari: “Ci hanno impedito di distribuire cibo”

next