Adolf Hitler, le sue ambizioni artistiche e un suo amico dai capelli rossi e Bob Dylan che chiacchiera e beve del tè per un intero pomeriggio con un illustre sconosciuto: sono questi i protagonisti di Urban Myths la serie prodotta da Sky Arts UK, in onda in prima visione assoluta e in esclusiva su Sky Arte HD (canale 120 e 400 di Sky) lunedì 18 dicembre alle 21.15.

Urban Myths porta la firma di Ben Palmer (The Inbetweeners) e pone al centro delle sue puntate delle storie sospese tra realtà e leggenda con protagonisti alcuni simboli del Novecento. Il cast è di eccezione: Iwan Rheon, apprezzatissimo in Il trono di Spade con il sadico volto di Ramsay Bolton, interpreta un giovane Hitler. Quest’ultimo non ha ancora sogni di onnipotenza e pensa solamente a dipingere con scarsi risultati, supportato ma non troppo da un amico, interpretato da Rupert Grint, il Ron Weasley della saga di Harry Potter.

L’episodio con protagonista Bob Dylan, qui interpretato da Eddie Marsan, racconta invece di quando Dylan si presentò a casa di Dave Stewart. Il menestrello del rock pensava che questi fosse il membro della band Eurythmics, ma si accorse solamente dopo un lungo pomeriggio che aveva trascorso tante ore con un omonimo illustre sconosciuto.

Il “vero” Stewart, ora che la storia ha assunto lo status di leggenda metropolitana, ha detto: “Ormai avrò sentito un centinaio di versioni di questa storia. Dev’essere accaduta a Maida Vale, la zona di Londra dove una volta abitavo, o a Crouch End, dove c’era lo studio. Una volta un tipo me l’ha narrata ed era ambientata in un ristorante di pesce. Ogni volta che la sento diventa più complicata” 

Storie inverosimili intrecciate a leggende metropolitane, quindi, perché le vite dei personaggi famosi si portano sempre dietro un alone di mistero ed è difficile tracciare una linea netta tra il vero e il falso, tra verità e mito.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Lewis Hamilton pianista a Che tempo che fa, suona Adele prima di congedarsi a bordo della mitica Prinz

prev
Articolo Successivo

Train to Busan tra prima tv e home video, ma arrivano anche altri horror ‘di cassetta’

next