L’antifascismo si ritrova marciando e manifesta tra bandiere (accidenti quante sono quelle con simbolo di partito!): palco, comizio, applausi. L’antifascismo c’è, grande raduno, praticamente un monumento. Ne seguiranno altri. Ma ad esserci son sempre quelli (compresa la politica che una mattina s’è svegliata ed ha trovato l’invasor che non se n’è mai andato). Mah. Perché sarà difficile vedere uno di Casapound o Forza Nuova partecipare alla sbandierata costituzionale e fargli cambiare idea. Occorre dunque andare davanti a scuola, esserci quando escono o quando entrano, essere dove passa il futuro prossimo e farsi da parte affinché si dia spazio per camminare con chi sopraggiunge: i giovani. E poi c’è quella cosa là, quella che andrebbe portato l’antifascismo dentro scuola, che andrebbe introdotta la materia “Costituzione”, che di per sé non è una cattiva idea, anzi. Il guaio è il “come” e troppo spesso chi è incaricato di veicolare la bellezza della nostra Carta lo fa senza accorgersi che non lo sa fare. Comizio, sbadigli, sipario.

Will Eisner era un maestro del fumetto, pardòn Arte Sequenziale, grandissimo narratore per immagini. Fra le altre cose scriveva che si stabilisce un “contratto” tra chi la dice (o scrive) e chi l’ascolta (o legge): il primo si aspetta che il pubblico lo comprenda, il secondo si aspetta qualcosa di comprensibile. Il peso di questo accordo ricade sulle spalle del narratore (la pesantezza di farlo male sul pubblico). E’ una regola fondamentale della comunicazione.

Non basta più un corteo, ma imparare a farlo come ci sta riuscendo la destra, la neodestra, l’estrema destra: dentro le scuole e con più brio.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

La lotta al fascismo (ormai estinto) è solo un alibi per la sinistra

next
Articolo Successivo

Magia e superstizioni, perché ci affascinano (e possono fare danni)

next