Una ragazza mi racconta di aver subito una madre prigioniera di superstizioni e riti fantasiosi. La madre era dipendente dagli oroscopi e  dalla lettura delle carte. Interpretava tutta la realtà in base a questi parametri e condizionava la vita dei due figli in base a quello che emergeva dall’interpretazione, che qualche personaggio autoproclamatosi esperto, dava della posizione delle stelle. Per fare un esempio scelse la scuola in base ai risultati astrologici e fece una battaglia contro un fidanzato della figlia perché nato in una congiunzione astrale, a suo avviso, inidonea.

Qualche giorno orsono verso le 13 ho acceso la televisione per sentire le notizie del telegiornale. Mancavano dieci minuti e un esperto pontificava su astrologia e dintorni. In uno dei periodi di massimo ascolto la televisione offre a una pratica rigettata da tutto il mondo scientifico una grande visibilità e un mantra di autenticità. Anche i principali giornali italiani hanno sempre la rubrica astrologica che immagino sia compilata da qualche strano iniziato.

Ma cosa spinge l’uomo a ricercare la magia? E perché pur di vendere un prodotto i mass media sdoganano pratiche senza alcun valore scientifico?

Nel libro La struttura della magia  i due autori Bandler e Grinder mettono in evidenza che c’è una grande distanza fra il mondo in cui viviamo e la rappresentazione mentale che abbiamo costruito di esso. La frase “La mappa non è il territorio” esprime questo concetto mettendo in evidenza che il mondo è molto più vasto e le possibilità molto superiori a quelle che noi ci raffiguriamo. Se io ad esempio mi costruisco una mappa con tutte le discoteche, i pub o i bar presenti sul mio territorio perdo di vista le attività produttive, le officine o gli studi. Dipende da come sono stato educato a vedere la realtà nella mia infanzia.

L’uomo come recita la poesia di Quasimodo “vive solo sul cuore della terra” impaurito da eventi che non riesce a controllare. La magia esercita un indubbio fascino in quanto rassicura fornendo risposte altrimenti impossibili. Un poco di vissuto magico è quindi utile per permetterci di vivere in modo pieno molte emozioni. Diverso è l’uso strumentale di pratiche antiscientifiche volte a vendere prodotti o turlupinare le persone per indurle a essere succubi di ciarlatani.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Sono antifascista, ma i cortei non bastano più

prev
Articolo Successivo

Cheeseburger, il formaggio va sopra o sotto la carne? E’ polemica sul web e la Rete batte Google

next