Fedez e Chiara Ferragni si sposeranno a Noto, in Sicilia, tra la fine di agosto e i primi di settembre del 2018. A dare quest’indiscrezione sul matrimonio più social e atteso del momento è il Giornale di Sicilia, che ha smentito le voci secondo cui le nozze si sarebbero celebrate a Cremona, città natale di Chiara. La location prescelta sembra essere Palazzo Ducezio, a due passi dalla Basilica Cattedrale, nel cuore del barocco siciliano. E pensare che la proposta di matrimonio di Fedez è arrivata in un momento di crisi per la coppia: “Lei non sapeva niente. E la verità è che due giorni prima avevamo litigato in modo furibondo, come i pazzi – spiega il rapper in un’intervista al Corriere della Sera – Non ci siamo parlati per un giorno e quello dopo dovevo chiederle di sposarmi. Ero in totale paranoia. Però poi ho pensato: se devo farlo, è più bello avere il brivido di non sapere cosa ti risponde. In realtà era un semi ricatto: prova a dirmi di no davanti a tutte queste persone”.

Ma prima di diventare marito e moglie, i ‘Ferragniz‘ attendono la nascita di Leone. Il primogenito della coppia nascerà ad aprile ma, intanto, è già famosissimo sui social grazie alle numerose foto delle ecografie condivise sui profili Instagram da Chiara e Fedez. “Ci abbiamo pensato veramente tanto perché sai che devi togliere qualcosa a quello che stai facendo e siccome sia io sia Chiara abbiamo tanti impegni, abbiamo dovuto ragionare a lungo”, ha spiegato Fedez al quotidiano milanese. “È stato tutto naturale, è un desiderio arrivato quasi subito. Io mi sento più che pronto a togliere qualcosa al mio lavoro, ad apparire di meno per questo bimbo. Prima di conoscere Chiara ero molto, molto diverso, con priorità diverse”.

 

 

 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

RIVOLUZIONE YOUTUBER

di Andrea Amato e Matteo Maffucci 14€ Acquista
Articolo Precedente

Molestie, Enrico Brignano difende Fausto Brizzi: “Gli piacciono le donne. Che poi si lamentano della crisi dell’uomo. Le fake news esistono”

next
Articolo Successivo

Asia Argento risponde a Enrico Brignano su Twitter: “Se te vedo t’acciacco…”

next