Quattro amici pranzano in un ristorante giapponese di Roma, il JinJa nel quartiere Parioli. Finito di mangiare chiedono lo scontrino con il conto ma qui trovano qualcosa di strano. Accanto al numero del tavolo, l’86, sul biglietto c’era la scritta “ciccione“.

A raccontare la vicenda è una delle protagoniste, Elisa Barbolini, che sul suo profilo Facebook ha pubblicato la foto dello scontrino non fiscale e racconta: “Ieri a pranzo in 4 (3 donne ed 1 uomo). Questo è lo scontrino non fiscale che ci hanno portato. Alla cassa, in mia presenza (le altre 2 erano uscite a fumare), il mio amico ha fatto notare che qualcosa non andava ma nessuno ci ha chiesto scusa. Si sono solo affrettati a fare lo scontrino fiscale per toglierci questo dalle mani. Su Tripadvisor ho scritto una recensione che si ricorderanno, con tanto di foto, che sono ancora in attesa che pubblichino però. BODYSHAMING (presa in giro di qualcuno per il suo aspetto fisico ndr) ne abbiamo?”

A poche ore di distanza è arrivata la replica del ristorante, che ha spiegato che la dicitura “ciccione” si riferiva al cameriere che aveva servito il tavolo. Una risposta che non ha convinto comunque Elisa Barbolini che, sempre dal suo profilo Facebook, spiega che quando lei e l’amico hanno chiesto delucidazioni direttamente alla persona in cassa non hanno ricevuto né scuse né risposte.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Scontro treni Andria-Corato, chiusa l’inchiesta: 19 indagati. C’è anche il dg del ministero: “Non vigilò sulla sicurezza”

prev
Articolo Successivo

Bullismo, lo sport e il cinema Usa al fianco del piccolo Keaton Jones dopo la video-denuncia delle angherie subite

next