È sopravvissuto all’attentato terroristico del 13 novembre 2015 al Bataclan ma non è riuscito a superare il trauma psicologico che quell’evento gli ha lasciato. Così il 31enne Guillaume Valette ha deciso di togliersi la vita. A dare la notizia del suicidio di Guillaume, avvenuto in Francia nei giorni scorsi, è stata l’associazione Fraternité et Vérité che riunisce i superstiti degli attentati parigini del 13 novembre. Secondo l’associazione, il trentunenne “non aveva voluto farsi assistere né dalla famiglia, né da un’associazione. Voleva restare solo“, si legge nel comunicato diffuso in  accordo con la famiglia Valette. “Abbiamo il dovere di ricordare –  prosegue Fraternité et Vérité – quanto sia importante essere consapevoli della necessità di farsi assistere, anzitutto dalla famiglia, da un’associazione, un medico, uno psichiatra, uno psicologo. Il trauma psicologico subito con questi attentati è profondo e duraturo, va considerato e curato”, conclude l’associazione.

E proprio per curare le ferite psicologiche lasciate dagli attentati terroristici compiuti dall’Isis a Parigi il 13 novembre 2015, una trentina di superstiti ha deciso di partecipare a test clinici in Guadalupa per provare i benefici dell’immersione subacquea contro il disturbo post-traumatico da stress (Dpts). A questi test partecipano sub professionisti e medici specializzati nello stress post-traumatico che, per dodici giorni, sottopongono i pazienti a diverse immersioni e registrano poi con i questionari il loro livello di benessere psicologico, sociale e affettivo, misurando la variabilità della loro frequenza cardiaca. Secondo gli studiosi, queste immersioni nei Mari del Sud dovrebbero contribuire a placare lo stress e la speranza è ottenere risultati significativi per allargare poi lo studio ad altre categorie di individui, come militari o vigili del fuoco.

Il progetto durerà fino al 30 novembre ed è stato battezzato ‘Divhope‘, ovvero  ‘un tuffo nella speranza’. A promuoverlo è l’associazione Life for Paris con la Fondation d’Aide aux Victimes du Terrorisme (Favt).

 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Giappone, barca con a bordo 8 cadaveri scheletrici arenata sulla costa: forse erano pescatori della Corea del Nord

next
Articolo Successivo

Giulio Regeni, 250 accademici firmano una lettera di supporto alla sua tutor: “L’articolo di Repubblica è fuorviante”

next