È chiusa in casa da cinque giorni dopo le accuse di molestie sessuali al marito: “Anche questa è violenza sulle donne”.  Claudia Zanella interviene sulla bufera che ha colpito il marito, il regista Fausto Brizzi.  Ad accusarlo dieci ragazze, che alla trasmissione Le Iene hanno raccontato di essere state molestate sessualmente. La moglie di Brizzi fino ad ora era rimasta in silenzio. Adesso scrive  una lettera ai direttori di alcuni giornali per manifestare vicinanza al marito.

“In questi anni mi è capitato di sentire di tutto – scrive – racconti di molestie di produttori su attori e attrici, abusi di potere da parte di registi e casting (uomini e donne), avance ricevute poco gentili e decisamente fuori luogo. Ho anche conosciuto attori e attrici alla ricerca di notorietà a tutti i costi. Mi spiace anche perché a prescindere dal fatto che l’imputato in questo tribunale mediatico sia mio marito, non trovo affatto corretto per nessuno essere descritto come il peggiore dei criminali. In questo momento gli sono vicina perché così avviene tra una moglie e un marito quando si affrontano periodi difficili“.

Per Zanella davanti alla violenza o all’abuso “bisogna correre dai carabinieri e denunciare“, mentre davanti a un’avance sgradita si deve “rispondere con un secco no, e andarcene, come ho fatto io stessa molte volte in questi anni nell’ambiente del cinema, della televisione e della moda”. Un chiaro riferimento alle donne che accusano il marito molto tempo dopo rispetto a quando si sarebbero verificati le molestie. Nella sua missiva Zanella aggiunge di essere “barricata in casa da 5 giorni e non posso nemmeno portare mia figlia di un anno e mezzo al parco, perché sotto al nostro portone ci sono giornalisti e paparazzi a qualsiasi ora del giorno e della notte”. Secondo l’attrice, dunque, “anche questa può essere considerata violenza sulle donne: in questo caso io e mia figlia”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Opere d’arte, record per Salvator Mundi di Leonardo: venduto per 450 milioni di dollari. È il più costoso della storia

prev
Articolo Successivo

Grande Fratello Vip, Ignazio Moser “minaccia” di abbandonare la Casa (e in molti gioiscono)

next