L’inviato di Striscia la Notizia Vittorio Brumotti è stato aggredito a Bologna mentre realizzava un servizio sullo spaccio di droga nel parco della Montagnola, vicino alla stazione centrale. Brumotti si era avvicinato ad un gruppo di stranieri che sostavano nel parco si era finto un cliente interessato ad acquistare alcune dosi di stupefacenti. Con una telecamera nascosta aveva ripreso tutta la scena e al momento dell’acquisto aveva svelato la propria identità, tirando fuori un megafono per denunciare l’accaduto. È qui che gli spacciatori, una decina, si sono avventati contro di lui e i suoi due cameraman, rubandogli le telecamere. Questi sono poi riusciti a fuggire, facendo perdere le proprie tracce.

Prima dell’aggressione e dei furti, uno spacciatore, oltre alla droga, ha cercato di vendere a Brumotti anche delle armi, chiedendo al cronista: «Vuoi pistole, kalashnikov…». Il video con le immagini dell’aggressione sarà trasmesso questa sera nel corso della puntata di Striscia la Notizia. Sulla vicenda indagano ora i carabinieri.

 

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Assenteismo, c’è chi sparisce per tre mesi. Ecco la classifica degli impiegati comunali che si eclissano (e sono pagati lo stesso)

prev
Articolo Successivo

Abruzzo, allerta rossa maltempo: allagamenti sulla costa, frane all’interno. Sorvegliati i fiumi

next