Alcune centinaia di persone hanno preso parte ad Ostia a ‘Fermiamo la violenza fascista e Mafiosa“, la manifestazione indetta in seguito all’aggressione del giornalista di Nemo e del suo operatore tv, promossa dal ‘Laboratorio civico X’ di Don Franco De Donno e rilanciata in rete dalla Sindaca di roma, Virginia Raggi. Promotori ed organizzatori ci tengono a chiarire la natura apartitica della manifestazione: “Le istituzioni quando non rispondono ai bisogni delle persone costruiscono l’ambente ideale per il proliferare dei fascismi e delle mafie”;  ed un cartello ‘Raggi, ma quale passeggiata: Ostia è abbandonata‘ apre una discussione tra organizzatori e sostenitori della Sindaca, prima della partenza del corteo. Altra nota polemica l’assenza del Partito Democratico, che aveva bollato come “strumentale” l’iniziativa che la sindaca di Roma che ha lanciato sui social con l’hashtag #fuorilamafiadaroma. “Comportamento irresponsabile – secondo Stefano Fassina, quello dei dem – è importante essere qui in piazza tutti insieme”. L’unico esponente del Partito Democratico a sfilare per le vie di Ostia è Esterino Montino, che arriva in città con la fascia tricolore di Sindaco di Fiumicino. Da parte del M5s una manifestazione a fini elettorali in vista del ballottaggio, come polemicamente affermato dai vertici nazionali dei democratici? “Non mi sono posto il problema – afferma Montino – per me la giusta risposta è la presenza qui ad Ostia contro i violenti”. “Casa, lavoro, dignità e la Mafia sparirà”, uno dei tanti slogan della manifestazione, alla quale hanno preso parte anche Alfredo D’Attorre di Mdp e la senatrice di Sinistra Italiana Lorendana De Petris; oltre a diversi parlamentari M5s: Daga, Vignaroli, Taverna e Castelli, ma alla quale molti cittadini di Ostia assistono dai propri balconi e finestre o dai marciapiedi, senza prenderne parte. “Io sono qui insieme ai cittadini per testimoniare che Roma e Ostia sono per la legalità e contro la criminalità e contro le mafie. Non potevo mancare ed ho amplificato la voce di tutti coloro che chiedevano questa manifestazione e questa è una bella risposta”. Queste le parole di Virginia Raggi, che a chi gli chiede quale sarà il futuro di Ostia, risponde: “Oggi parliamo di questa manifestazione, non è questo il luogo per fare campagna elettorale – ed aggiunge – oggi non voglio proprio fare polemiche”, scegliendo così di non replicare alle accuse di Matteo Orfini. “L’opera del M5S in questo territorio, dopo gli anni del Commissariamento del Municipio di Ostia, deve essere ancora più forte di ricucitura tra la parte sana della società e la parte sana dell’amministrazione, qui ancor più che nel resto di Roma” afferma al termine del corteo Roberta Lombardi