Il più grande annuncio al Blizzcon 2017 è stato sicuramente quello legato a Battle for Azeroth, la settima espansione di World of Warcraft che dovrebbe arrivare nel corso del prossimo anno, ma per i fan dell’MMORPG di Blizzard sono in arrivo anche altre novità: i server Classic ed il rifacimento dell’esperienza di leveling.

Tra gli appassionati di World of Warcraft è presente un folto gruppo legato alle meccaniche e difficoltà che il gioco offriva al suo lancio ormai 13anni fa, vedendo negli anni sorgere vari server “pirata” che permettevano agli orfani di quel tipo di esperienza di poter riassaporare il titolo Blizzard come lo avevano conosciuto.

Per rispondere a questo pubblico la casa californiana ha annunciato di essere al lavoro su “World of Warcraft: Classic“, una versione del gioco e dei server fedele a quella pre-espansioni. Non è ancora nota una data per l’arrivo/ritorno della versione “Vanilla”, il lavoro nelle parole di Blizzard non sarà semplicissimo, dovendo recuperare e rivedere codice che ormai è stato messo da parte da oltre 10 anni, cosi come se arriveranno anche versioni specifiche bloccate alle prime due espansioni (The Burning Crusade e Wrath of the Lich King) che al pari del gioco originale hanno una nutrita schiera di “fan”.

Per i server standard invece già da una prossima patch, senza dunque attendere la nuova espansione, arriverà un primo rework dell’esperienza di gioco nelle aree di basso livello, vedendo introdotto l’adattamento dinamico del livello dei nemici presente nelle zone delle Isole Disperse anche nelle zone di Kalimdor e dei Regni Orientali che presenteranno un livello minimo per accedervi simile a quello già presente, ma si adatteranno al livello del giocatore fino al livello 60, in modo da evitare che i player si trovino obbligati a dover cambiare zona per continuare ad accumulare esperienza senza aver potuto completare la storyline che stavano seguendo.

In modo simile verrà rivista l’esperienza nei continenti delle prime quattro espansioni, dando inoltre la possibilità ai player di optare tra il livello 60 e l’80 tra le Terre Esterne della prima espansione e Nordania della seconda, mentre dall’80 al 90 potranno scegliere liberamente se seguire le storyline di Cataclysm o quelle di Mists of Pandaria.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

World of Warcraft: Battle for Azeroth – annunciata la settima espansione del celebre mmorpg Blizzard

prev
Articolo Successivo

GEFORCE GTX Challenge: il 18 e 19 novembre streamer e youtuber di 8 nazioni si sfideranno tra eSport e spettacolo

next