Solo il 36,15% degli aventi diritto  andato a votare per le tanto attese elezioni municipali di Ostia. Un calo drastico dell’affluenza di ben 20 punti rispetto alle comunali del 2016, quando gli elettori alle urne furono oltre il 56%. Sul totale dei 185.661 aventi diritto nelle 183 sezioni allestite hanno votato in 67.125. Il dato conferma la disaffezione dei residenti del Municipio X di Roma dopo lo scioglimento per mafia richiesto e ottenuto dal Consiglio dei Ministri nell’agosto del 2015. Un astensionismo “fisiologico”, come hanno commentato a caldo alcuni degli esponenti dei partiti in corsa, evidentemente condizionato anche dal forte temporale che si e’ abbattuto nel primo pomeriggio sulla Capitale, che ha contribuito a rendere difficilmente accessibili alcuni seggi a con diverse strade chiuse e quartieri isolati mentre in altri l’assenza della corrente elettrica ha costretto addirittura ad operazioni di voto “a lume di candela”.

Non sono mancati i problemi anche nelle aree “interne” del Municipio X che sorgono lungo le arterie Cristoforo Colombo, via del Mare e via Ostiense. Alcuni complessi residenziali delle zone Palocco e Infernetto, ad esempio, sono rimasti isolati per alcune ore, mentre l’allagamento del sottopassaggio di via di Acilia ha tenuto alcune migliaia di residenti “ostaggio” del quartiere fino all’intervento dei vigili del fuoco. La Protezione Civile capitolina, attiva su tutto il territorio del Comune di Roma – il maltempo ha colpito creando disagi in gran parte della città – ha fatto sapere di essere intervenuta subito con le idrovore per risolvere le principali criticità e che, secondo quanto confermato dalla Polizia Locale, la situazione nel tardo pomeriggio è andata normalizzandosi, sebbene il traffico abbia contribuito a rallentare gli spostamenti.

L’allagamento di Corso Duca di Genova, tra l’altro, avrebbe provocato alcuni inconvenienti nei seggi ospitati dalla scuola Eugenio Garrone. La segnalazione è arrivata da alcuni rappresentanti di lista a Franco De Donno, il candidato civico di sinistra il quale in serata ha segnalato che “nelle sezioni 1836 e successive è mancata completamente la luce. Mi descrivono scene di elettori che votano quasi al lume di candela”. Secondo quanto si e’ potuto apprendere, i commissari lavorano con le luci dei cellulari e, non potendo per legge portare gli smartphone nelle cabine, agli elettori vengono fornite delle torce di fortuna rimediati dagli stessi addetti al seggio. Una situazione piuttosto precaria che “stiamo cercando di risolvere”, come affermano dagli uffici municipali. “Chiedo alle autorita’ competenti – ha detto ancora il sacerdote e aspirante minisindaco – di provvedere per risolvere la situazione e permettere ai cittadini del Municipio di esprimere il diritto di voto”.

“In solo un’ora di pioggia intensa le strade le Municipio X sono impraticabili”, non ha esitato a denunciare Athos De Luca, candidato minisindaco per il Partito Democratico, che poi ha rincarato la dose: “Allagamenti in ogni quartiere impediscono alle persone di uscire di casa, di spostarsi e di raggiungere i seggi elettorali in molti dei quali è impossibile l’accesso. Chiediamo alla Sindaca Raggi di provvedere immediatamente ad intervenire per consentire ai cittadini di esercitare il diritto al voto”. Va specificato che, a quanto ha potuto apprendere IlFattoQuotidiano.it, nessuno dei seggi interessati dal voto è stato reso impraticabile dal maltempo, sebbene in molti casi i plessi che li ospitano siano stati difficili da raggiungere per evidenti ragioni di traffico o per le strade chiuse.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Nardodipace, il paese calabrese al voto dopo due scioglimenti per mafia: “Un futuro qui? Non lo vediamo più”

prev
Articolo Successivo

Elezioni Sicilia, exit poll La7: “Musumeci 36,5/39,5%, Cancelleri 34/37%. Micari 16/20%, Fava 6/9%”

next