Legate a un palo in un bosco e poi violentate durante un’uscita concordata su internet. È successo a due ragazzine di 14 anni a Roma, zona Collatina. Le violenze risalgono allo scorso maggio ma le giovani non avevano mai denunciato l’accaduto. A segnalare la vicenda alle forze dell’ordine sono stati i genitori di una delle ragazze dopo aver scoperto l’accaduto. I carabinieri di Roma hanno arrestato due giovani, 21 e 20 anni entrambi di origine bosniaca, con l’accusa di violenza sessuale di gruppo e sequestro di persona continuato in concorso.

Una delle due giovani aveva conosciuto il ragazzo di 21 anni su un social network e aveva deciso di incontrarlo. All’appuntamento però si era presentata assieme alla sua amica. Durante l’uscita, il ragazzo le ha minacciate di morte e portate in una zona nascosta dove le ha legate per impedire che fuggissero. Poi ha abusato sessualmente di loro mentre il ragazzo di 20 anni faceva da palo.

Le ragazze, sotto shock, non avevano riferito nulla dell’accaduto e non erano ricorse a cure mediche. Quando i genitori hanno scoperto la vicenda si sono rivolti ai carabinieri della stazione di Tor Sapienza che hanno fatto partire le indagini. Dopo l’interrogatorio alle ragazzine, i militari hanno identificato i due uomini, residenti in un campo nomadi. Il giudice per le indagini preliminari ha emesso così l’ordinanza di custodia cautelare che li ha portati in carcere.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Aversa, indagato Mr. James: si spacciava per insegnante di inglese, ma non era laureato. Rischia fino a 6 anni di carcere

next
Articolo Successivo

Bari, sospetto terrorista inizia percorso di de-radicalizzazione: studierà diversità religiose e diritto. È il primo caso in Italia

next