Gli Stati Uniti hanno varato una nuova misura che permetterà di riconoscere i pedofili americani dal passaporto. Il Dipartimento di Stato ha reso noto che sui documenti di chi ha commesso reati legati allo sfruttamento sessuale di minori sarà applicato un ‘bollino‘ che permetterà il loro riconoscimento in dogana. Inoltre il retro del passaporto recherà la dicitura: “Il proprietario è stato condannato per un reato di tipo sessuale nei confronti di minori ed è schedato secondo la legge americana”.

Il bollino non impedirà di viaggiare all’estero ma chi è stato condannato per pedofilia al momento dell’ingresso in un altro Paese sarà sottoposto alle leggi di quello Stato. E sono molti i Paesi che attuano pesanti restrizioni contro tutti quelli che hanno commesso questo tipo di reati. La misura rientra nell’International Megan’s Law, il decreto approvato dall’ex presidente Barack Obama per frenare lo sfruttamento infantile e il turismo sessuale di minori e prende il nome da Megan Kanka, una ragazzina di sette anni uccisa nel 1994 da un pedofilo.

 

Il Fatto Internazionale - Le notizie internazionali dalle principali capitali e il dossier di Mediapart

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Giulio Regeni: chi è Maha Abdelrahman, la tutor di Cambridge che seguiva le sue ricerche in Egitto

next
Articolo Successivo

Terrorismo, il fratello del killer di Tolosa condannato a 20 anni

next