Paul Walker, la star di Fast and Furiousmoriva il 13 novembre 2013 arso vivo a bordo della sua Porsche Carrera Gt. Nel 2015 la figlia, allora 16enne, aveva deciso di citare in giudizio la casa automobilistica tedesca sostenendo che il modello a bordo del quale viaggiava suo padre fosse privo “di sistemi di sicurezza montati su auto da corsa (della Porsche) o anche su modelli stradali anche meno costosi”. E la ragazza ora ha vinto la causa: sarà risarcita dall’azienda produttrice dell’auto in cui l’attore perse la vita. I dettagli sull’accordo economico raggiunto dalle parti non sono stati resi noti. A finire sotto accusa era stata la la cintura di sicurezza che avrebbe fratturato costole e bacino di Walker intrappolandolo nell’abitacolo e impedendogli così di salvarsi prima del sopraggiungere delle fiamme.

 

 

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Magnum P.I., torna l’ufficiale di marina più amato di sempre. Ecco i cambiamenti della nuova serie

prev
Articolo Successivo

Giappone, la storia del pinguino che si innamora di un cartone animato fa il giro del mondo

next