“Ma quale stampella, dai.” Denis Verdini, arrivando in Senato per votare sì alla fiducia posta dal governo sulla legge elettorale, si schernisce “Non mi pare una novità”, ricordando implicitamente i tanti provvedimenti governativi e della maggioranza, sostenuti dai senatori di ALA. Verdini evita le domande dei giornalisti, ma prima di entrare a Palazzo Madama ci tiene a smentire una sua possibile candidatura nei colleghi ‘Estero’: “Stupidaggini”. Più loquace e soddisfatto il capogruppo di ALA, Lucio Barani: “Noi siamo il salvavita delle riforme, non del Governo. Noi lavoriamo per gli italiani”. I senatori verdiniani rivendicano le analogie tra il ‘Rosatellum Bis‘ ed il ‘Verdinellum‘: La legge è quasi uguale alla nostra proposta e depositata sei mesi fa. Al Rosatellum gli abbiamo fatto il Dna, è un nostro figlio, perché dovremmo disconoscerlo, lo riconosciamo. E dunque – conclude Barani – lo votiamo convintamente e ne siamo orgogliosi e contentissimi

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Mastella: “Il Rosatellum bis mi piace. Sono pronto a rifare Udeur. Di Maio? Steward senz’arte, né parte”

prev
Articolo Successivo

Elezioni Sicilia, Minniti scrive ai prefetti dell’isola: “Rafforzare i controlli per evitare il condizionamento del voto”

next