La prima ministra del Regno Unito, Theresa May, ha chiesto al suo partito di essere “unito” per “rinnovare il sogno britannico”, dicendosi ottimista sull’accordo sulla Brexit ma aggiungendo che Londra si prepara a qualsiasi eventualità. Con un discorso interrotto più volte dai propri attacchi di tosse e da un contestatore, la premier conservatrice ha chiuso con il suo intervento il congresso annuale del suo partito, a Manchester. Un appuntamento che May e i suoi ministri hanno tentato di usare per mostrare un’immagine di unità, dopo giorni di risse interne soprattutto sul tema Brexit. Il risultato è apparso però quasi comico, se non grottesco, per via della lunga serie di interruzioni e inconvenienti che lo hanno segnato.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Malé, il paradiso nascosto della jihad

next
Articolo Successivo

Libia, i racconti dei sopravvissuti a Medu: “Nei centri di detenzione torturano e uccidono i migranti per divertimento”

next