Secondo il rapporto annuale sullo Yemen dall’ufficio dell’Alto commissario delle Nazioni unite per i diritti umani, degli oltre 10mila morti civili causati dal conflitto iniziato nel marzo 2015 1120 erano bambini, cui va aggiunto un numero ancora maggiore di feriti: 1541.

La maggior parte di queste vittime è stata causata dagli attacchi aerei della coalizione militare guidata dall’Arabia Saudita. Come quello del 25 agosto, una strage di bambini, grazie a una bomba made in Usa sganciata di notte contro un quartiere della capitale Sana’a.

All’Arabia Saudita, contrariamente a quanto chiesto da molte associazioni, la settimana scorsa la Camera dei deputati ha deciso che l’Italia può continuare a fornire le bombe prodotte in Sardegna dalla Rwm. Almeno fino a quando non sarà istituito un formale embargo internazionale.

Ci si adeguerà “immediatamente” – come recitano le mozioni presentate da Lia Quartapelle Procopio (Pd), Valentina Vezzali (Sc, Ala, Maie) e Bruno Archi (Fi) – solo dopo l’adozione di “prescrizioni e divieti” in tal senso da parte dell’Onu o dell’Unione europea.

Respinte invece le mozioni presentate da Marcon, Duranti e altri (Sinistra italiana e Articolo 1-Mdp) e da Corda e altri (M5S), che chiedevano che il parlamento italiano esprimesse una posizione almeno coerente con le risoluzioni già adottate da quello europeo.

Per altri particolari sul dibattito parlamentare e sull’incoerenza di formazioni politiche che in Italia, sullo stesso tema, votano diversamente che in Europa, invito a leggere questo approfondimento di Giorgio Beretta.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Siria, il racconto della tortura: “Alcuni impazzivano e si spaccavano la testa. I cadaveri gettati in fosse comuni”

next
Articolo Successivo

Kurdistan, minacce sul referendum. I curdi della provincia contesa di Kirkuk: “Abituati, per questo ottimisti”

next