“Sono webmaster e laureando in giurisprudenza”, si presentava a fine 2012 per le prime parlamentarie. Oggi, nessun dubbio in merito, non avrebbe difficoltà a trovarsi un lavoro. Ma è davvero pronto a rinunciare ai riflettori? Ai selfie? A tutti gli onori? Alle attenzioni di vescovi, think tank e salotti vari? Luigi Di Maio lo ha ribadito anche a Rimini: al limite dei due mandati non si rinuncia. Quindi, al più tardi tra cinque anni, tornerà a vita privata. E dovrà “trovarsi un’occupazione”, come ha più volte ripetuto nel tour estivo tra le piazze siciliane e infinite volte in televisione. Ma può candidarsi a guidare il governo del Paese chi è già al suo personale giro di boa? Di Maio è davvero pronto a farsi da parte? A mantenere l’impegno e la coerenza anche se
a chiedere una deroga ad personam fosse lo stesso popolo pentastellato? E’ bello crederci. Fin troppo.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Lega, Umberto Bossi va via? Il Senatùr: “Berlusconi mi ha detto: Se vuoi in lista ti ci metto io”

next
Articolo Successivo

Renzi: “Primarie M5s? C’è da piangere, anche farsa aveva dignità. Fuoriusciti Pd? Noi con Obama, loro con Bertinotti”

next