“Sono webmaster e laureando in giurisprudenza”, si presentava a fine 2012 per le prime parlamentarie. Oggi, nessun dubbio in merito, non avrebbe difficoltà a trovarsi un lavoro. Ma è davvero pronto a rinunciare ai riflettori? Ai selfie? A tutti gli onori? Alle attenzioni di vescovi, think tank e salotti vari? Luigi Di Maio lo ha ribadito anche a Rimini: al limite dei due mandati non si rinuncia. Quindi, al più tardi tra cinque anni, tornerà a vita privata. E dovrà “trovarsi un’occupazione”, come ha più volte ripetuto nel tour estivo tra le piazze siciliane e infinite volte in televisione. Ma può candidarsi a guidare il governo del Paese chi è già al suo personale giro di boa? Di Maio è davvero pronto a farsi da parte? A mantenere l’impegno e la coerenza anche se
a chiedere una deroga ad personam fosse lo stesso popolo pentastellato? E’ bello crederci. Fin troppo.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Lega, Umberto Bossi va via? Il Senatùr: “Berlusconi mi ha detto: Se vuoi in lista ti ci metto io”

prev
Articolo Successivo

Renzi: “Primarie M5s? C’è da piangere, anche farsa aveva dignità. Fuoriusciti Pd? Noi con Obama, loro con Bertinotti”

next