Maria Pia Biffi ha 34 anni e ha una grandissima passione: Luciano Ligabue. Gira l’Italia seguendo anche il fratello del cantante, Marco, con il quale ha un rapporto speciale e quando può corre a sentire il suo mito, Luciano. Una passione comune a tante persone, ma non per lei che con grande difficoltà riesce ad andare a sentire un live. Da 24 anni a causa di una artrite reumatoide è costretta a stare su di una sedia rotelle.

Le sue denunce le posta su Facebook, perché da anni, pur rispettando la procedura del manuale dello spettatore, non riesce a far sì che un semplice concerto sia motivo di svago, anzi. Nelle ultime ore su Facebook ha postato un video in cui si nota che la pedana riservata alle sedie a rotelle dei disabili è stata collocata dietro allo spazio sopraelevato per i cameran che ostruivano la visuale del palco. Puntuale il suo sfogo nei social:

Una delle tante denunce che Maria Pia ha fatto in questi anni e che purtroppo, ad oggi, ancora non ha ricevuto l’attenzione meritata. Cosa deve fare per godersi in santa pace un concerto? Quante volte dovrà leggere che i posti riservati sono finiti nonostante il rispetto delle tempistiche? E quante altre volte sarà costretta a vedere a metà un concerto per l’indifferenza degli organizzatori? E’ amareggiata Maria Pia nella chiacchierata che abbiamo condiviso riportandomi numerosi casi analoghi al suo. Chiedere di poter assistere a un concerto senza dover lottare ogni volta per la burocrazia o la negligenza.

Non ci sono handicap peggiori dell’indifferenza e dell’ignoranza.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Checco Zalone nel nuovo spot solidale per le Famiglie Sma: “#FacciamoloTutti”

prev
Articolo Successivo

Disabilità e lettura, ecco come la distrofia di Duchenne rende un’impresa anche il girare pagina

next