C’è una seconda indagine su Henry John Woodcock. Il pm di Napoli è indagato per falso dalla procura di Napoli in concorso con l’ex capitano del Noe Gianpaolo Scafarto in relazione all’inchiesta Consip. A fine giugno, era già emerso che il magistrato era indagato per violazione di segreto istruttorio, sempre relativamente al caso della centrale acquisti della pubblica amministrazione.

Secondo quanto riferiscono diversi quotidiani, tra cui il Corriere della Sera, il magistrato avrebbe indotto Scafarto a scrivere in un’informativa che i servizi segreti avrebbero spiato i carabinieri che stavano indagando sull’imprenditore Alfredo Romeo, accusato di corruzione. A riferirlo ai pm di Roma sarebbe stato proprio l’ex capitano del Noe durante l’interrogatorio nell’ambito di una prima inchiesta avviata dalla procura della Capitale per rivelazione di segreto istruttorio.

Il procuratore generale di Napoli Luigi Riello, ascoltato dal Csm nell’ambito del fascicolo per valutare l’incompatibilità ambientale di Woodcock, ha spiegato alla prima commissione che “questo è quanto emerge dalle dichiarazioni del capitano, che naturalmente sono da valutare in sede penale”. Il magistrato titolare del primo filone dell’inchiesta Consip, interpellato dal Corriere, non ha voluto rilasciare commenti. A valutare la veridicità delle dichiarazioni di Scafarto, che collaborava con Woodcock nell’indagine su Romeo, dovranno essere il procuratore di Roma Giuseppe Pignatone, l’aggiunto Paolo Ielo e il sostituto Mario Palazzi.

Negli scorsi giorni, davanti al gup del Tribunale di Roma Rosalba Liso, è arrivata la prima sentenza relativa all’indagine Consip: Marco Gasparri, il funzionario della centrale acquisti della pubblica amministrazione, ha patteggiato una pena di un anno e otto mesi di carcere per corruzione. Secondo l’accusa, Gasparri ha ricevuto 100mila euro in tre anni da Romeo in cambio di informazioni riservate nonché indispensabili per aggiudicarsi alcuni appalti pubblici.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Adozioni, la vicepresidente Cai resta al suo posto. Il Tar rigetta sospensiva del ricorso contro la nomina di Laura Laera

prev
Articolo Successivo

Piazza della Loggia, la verità già nota 40 anni fa. Ma le indagini puntarono altrove

next