“Ha gli occhi aperti, è ancora intubato, ma respira autonomamente”. Gianluca Di Gioia, il 36enne rapinato e avvelenato in Laos, dove si trovava in vacanza, è uscito dal coma. A farlo sapere è il fratello Salvatore, che su Facebook ha scritto: “Il nostro Digio è nuovamente tra noi. Grazie a tutti”.

Gianluca, insegnante di inglese originario di Caltavuturo (Palermo) e residente a Venegono Inferiore, nel varesotto, è stato aggredito da ignoti due giorni fa, 2 settembre. Trasportato d’urgenza al Bangkok Hospital di Udon Thani, in Thailandia, dove si trova tuttora, è stato ricoverato in coma farmacologico. Questa mattina ha aperto gli occhi. “Alla domanda “Gianluca, ora andiamo a casa?” ha fatto un cenno di sì con la testa, ma ancora non sappiamo se è perfettamente in grado di capire”, ha raccontato il fratello Salvatore.

Subito dopo l’incidente, la famiglia del 36enne aveva lanciato una raccolta fondi attraverso il gruppo Facebook “Aiutiamo Gianluca (il Digio)”. Le spese mediche da sostenere in Thailandia, infatti, sono molto costose. In poco tempo la famiglia è riuscita a raggiungere la somma di 100mila euro per il trasporto aereo del giovane insegnante, che però non poteva essere spostato fino all’uscita dal coma. Ora si attende di capire quali sono le condizioni del 36enne per vedere se è possibile riportarlo in Italia.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

“L’Isis torni in redazione a finire il lavoro”. È il tweet del deputato Massimo Corsaro contro la satira di Charlie Hebdo

next
Articolo Successivo

Matera, un medico si rifiuta di rilasciare un certificato falso: il paziente lo picchia

next