E’ una Sara Errani arrabbiata ma combattiva quella si presenta in conferenza stampa all’hotel Melià a Milano. La tennista non nasconde il rancore nei confronti di una stampa che ha fatto “disinformazione”, ma anche verso “i leoni da tastiera” che sui social non hanno risparmiato “insulti e cattiveria” verso di lei e la sua famiglia. “Non ho fatto nulla di male – afferma – il letrozolo non è uno stimolante e uno steroide anabolizzante. E non è una sostanza dopante per le donne”. Così si difende dalle accuse che le sono state mosse dopo la notizia della sua positività a un controllo antidoping del febbraio scorso e la conseguente squalifica per due mesi.

La tennista ha poi spiegato nel dettaglio il suo caso: “So di non aver violato il codice della Wada (l’agenzia mondiale antidoping) e speravo di essere assolta. Io sono stata sanzionata perché contaminata da una sostanza che non produce effetti migliorativi nelle prestazioni”. Rispetto alla positività, per Sara Errani c’è stata infatti una contaminazione del cibo, in particolare dei tortellini di sua mamma: “Un caso accidentale. Un’ipotesi supportata dal test dei capelli”.

Errani ha poi ricordato che la sentenza della Federtennis internazionale dice che “sono stata sanzionata perché la responsabilità del giocatore copre le azioni anche del medico, dell’allenatore e dei suoi familiari”. L’azzurra, ex numero 5 al mondo, ha chiarito anche la decisione di continuare a giocare anche dopo la positività al controllo antidoping: “Ho deciso io di proseguire perché consapevole di non aver fatto nulla di male”. “Sono triste per la quantità di insulti ricevuti sul web, è una cosa sbalorditiva e imbarazzante”, ha concluso.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Sara Errani positiva all’antidoping: due mesi di squalifica. “Colpa dei tortellini”

prev
Articolo Successivo

Tennis, Nadal torna numero 1 al mondo: lui e Federer guidano la rivincita dei “vecchietti”

next