Il situazionismo di Nina Moric sui social ha raggiunto un nuovo livello. Da tempo, forse consigliata dal suo fidanzato Mario Luigi Favoloso, la modella croata ha cominciato a usare i social network in maniera molto furba e provocatoria, esternando idee sempre più estreme e controverse pur di far parlare di sé. L’avvicinamento politico a Casa Pound è indubbiamente una parte di questa strategia comunicativa.

E sempre in ambito politico, oggi la Moric ha annunciato su Facebook la sua intenzione di candidarsi a sindaco di Torre del Greco, la popolosa cittadina in provincia di Napoli il cui primo cittadino Ciro Borriello è stato arrestato nell’ambito di un’inchiesta su presunti “fondi neri” relativi alla gestione della raccolta rifiuti. “Sono felice – ha scritto Nina Moric – di informare i cittadini di Torre del Greco (che hanno visto arrestare il proprio sindaco) che alle prossime elezioni mi candiderò anche io. Questa cosa che vi ho liberato di Favoloso è arrivato il momento di pareggiarla”. Luigi Mario Favoloso, infatti, è originario proprio di Torre del Greco.

Poche ore dopo, però, è arrivato un nuovo post in cui la Moric dava conto dei tanti articoli scaturiti da quella che lei ha definito “una provocazione”: “Della cosa dovrei parlarne con il movimento di cui faccio parte e con la famiglia del mio fidanzato. Oggi ho letto di gente che ha esultato, ho letto di gente che ha avuto da ridire o da ridere su questa storia, ma alla fine non ho letto nessuno che ha esaminato gli aspetti palesi di una notizia che se alla fine fosse vera avrebbe degli aspetti positivi innegabili. La politica non è il calcio, non dovreste schierarvi per partito preso, ragionate con la vostra testa, anche perché sono sicura che siete quasi tutti più intelligenti di quelli che senza apparenti meriti culturali cercano di influenzarvi”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Matteo Salvini e il marketing estivo: il doppio binario del leader leghista per conquistare “l’intestino” del Paese

prev
Articolo Successivo

Twilight e Hunger Games di nuovo al cinema? Hollywood spinge, ma serve il consenso delle autrici

next