Il gossip estivo si arricchisce di una nuova telenovela: il settimanale Chi, infatti, dà conto di una sintomatica staffetta in Costa Smeralda. Mentre Flavio Briatore arriva, in compagnia di una giovane assistente, Elisabetta Gregoraci fa le valigia e lascia la Sardegna. La crisi di cui si parla da tempo, dunque, si sarebbe trasformata in rottura vera e propria.

La ricostruzione del settimanale diretto da Alfonso Signorini parla di uno strappo che non si riesce più a ricucire. La Gregoraci ha già eliminato dai profili social le foto con il marito perché, secondo Chi, avrebbe trovato dei messaggini non graditi sul cellulare di Briatore, arrivati da una pr del Twiga di Montecarlo. E lui, dal canto suo, non avrebbe apprezzato i continui viaggi a Parma della moglie, ufficialmente perché testimonial dell’azienda di un “caro amico”. Ufficialmente, la showgirl calabrese avrebbe lasciato la Sardegna per motivi di lavoro ma non è sfuggito ai più attenti il dettaglio dei bagagli particolarmente voluminosi, prova di un allontanamento a tempo indeterminato.

Nel giro di poche ore, però, Briatore ha smentito la ricostruzione di Chi su Facebook, definendo la notizia “una bufala estiva”. “Il caldo allucinante di questi giorni – si legge sulla pagina Facebook dell’imprenditore – fa proliferare le bufale estive. Mi dispiace deludervi, amanti del gossip, ma tengo a farvi sapere che da noi (Billionairelife) si lavora anche d’estate e che i miei viaggi sono soprattutto di lavoro. La gita di piacere in Costa Smeralda, un racconto fantasioso e corredato di presunte foto incriminatorie da parte dei creativi di un rotocalco nazionale, non è altro che una trasferta di lavoro, che ho effettuato lo scorso weekend con alcuni dei miei collaboratori, in vista di una serata speciale al Billionaire Porto Cervo”.

Nessuna smentita, però, sulla crisi del matrimonio con Elisabetta Gregoraci.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Stefano De Martino paparazzato a Ibiza con Gilda Ambrosio: tramonta il ritorno di fiamma con Belen?

prev
Articolo Successivo

Matteo Salvini e il marketing estivo: il doppio binario del leader leghista per conquistare “l’intestino” del Paese

next