Ormai da qualche mese impazzano su social e siti di news “leggere”, ma con l’arrivo dell’estate i “fake nipples” (capezzoli finti) sono naturalmente tornati in auge. Ma a cosa serviranno mai dei capezzoli finti? La risposta è molto semplice: a dare l’impressione di averli sempre turgidi e ben visibili sotto t-shirt, costumi da bagno e vestiti da sera. E l’ondata di caldo furioso di quest’estate bollente non aiuta, visto che è il freddo a dare una mano all’effetto sull’attenti che tanto piace a uomini e donne.

Curiosi? Volete provarli? Sul sito di una curiosa impresa americana, infatti, è possibile acquistare due diverse tipologie di capezzoli finti: con 10 dollari (9,99, per essere precisi), arriveranno a casa vostra quelli monouso, giusto per vedere l’effetto che fa. Se volete investire qualcosa in più, invece, con 24,99 dollari sarà vostro il modello riutilizzabile (fino a dieci volte, recita il sito). E per ogni tipologia è possibile scegliere tra la versione per donne bianche e donne di colore ma soprattutto tra versione “cold” e “freezing”, cioè tra diverse taglie e gradi di turgidezza.

A quanto pare anche alcune donne molto famose dello showbiz si sono affidate ai capezzoli adesivi (da indossare direttamente sul seno o anche sul reggiseno) tra cui Kim Kardashian e Jennifer Aniston e Just Nips è così preoccupata della resa del vostro acquisto, che sul suo sito dedica alle clienti un vero e proprio tutorial illustrato per non sbagliare nulla.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Bella Hadid sfila a Parigi in versione sexy: trasparenze e spacco vertiginoso per la modella statunitense

next
Articolo Successivo

Mostra del Cinema di Venezia 2017, Lapo Elkann arriva in “ballerine” con il fiocco

next