“Ho vissuto la morte di quelle persone come un’ingiustizia anche nei miei confronti”. Così, a 37 anni dalla strage della stazione di Bologna, Agide Melloni, ex autista del tristemente celebre bus della linea 37, ricorda il 2 agosto 1980, quando un normale autobus di linea si trasformò per ventiquattr’ore in un carro funebre, facendo la spola tra piazzale Medaglie D’Oro e la camera mortuaria di via Irnerio. “Quel giorno decidemmo d’impeto di lasciare le ambulanze ai feriti e utilizzare qualcos’altro per chi non era più in vita”, racconta Melloni, che è anche uno dei protagonisti di “Cantiere 2 agosto”, il progetto di narrazione popolare per ricordare le 85 vittime dell’attentato promosso dalla Regione Emilia-Romagna.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Violenza e abusi sessuali durante riti religiosi su minorenni, arrestate quattro persone

next
Articolo Successivo

Strage di Bologna, verità e giustizia non vanno in prescrizione

next