Nel 2013 il parcheggio della stazione metro Annibaliano a Roma è stato ultimato ma, ad oggi, ancora non è stato aperto al pubblico e versa in uno stato di degrado crescente. Siamo nel quartiere Trieste, zona centrale della Capitale. “E’ stata avviata la fase istruttoria per completare le rifiniture del parcheggio – spiega Francesca Del Bello, presidente del II municipio di Roma Capitale – e per redigere un bando per l’apertura e la gestione dello stesso. Ma ormai siamo nel 2017 e il parcheggio è in stato di totale abbandono”. 300 posti auto che servono come il pane, in ostaggio della burocrazia. “Abbiamo scritto più volte all’assessore ai Trasporti del Comune Linda Meleo per sollecitare una risoluzione definitiva del problema”, dichiara Del Bello. L’assessorato di Roma Capitale, dopo oltre un mese, ha risposto a ilfattoquotidiano.it con una nota, sottolineando che al momento si stanno valutando “una serie di azioni per recuperare velocemente il parcheggio di Annibaliano. Allo studio ci sono varie opzioni”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Siccità, la battaglia dell’acqua a Roma. Regione: “Stop a prelievi da Bracciano”. Acea: “Illegittimo, disagi per cittadini”

prev
Articolo Successivo

Roma, la genesi dell’emergenza siccità: Governo sordo e rete colabrodo. Fonti Acea: “Istituzioni avvertite in primavera”

next