Non so come dirvelo, cari lettori. Ma la verità è che da soli non possiamo cavarcela. In nessuna impresa. La civiltà è cresciuta: sopravvive e prospera, grazie a quanto “gli altri” fanno per noi, e noi per gli altri. Vale per gli uomini sulla luna, il benessere, le scarpe che portiamo, il concerto di Vasco…

Né ci sarebbe gioia – consolazione nelle malattie o nella morte – senza lo stupore ricorrente dell’amicizia e dell’amore. Dare o ricevere, allora, è un mero punto “pratico”, dettato dalle particolari circostanze e dalle necessità del momento. Non può essere sempre simultaneo, come in un mercato!

Perciò guardate in questo breve filmato il reportage sul Sud Sudan. Quella gente non è lontana come sembra: è vicinissima. Grazie a chi ha costruito un ponte, a noi basta un click per diventare angeli, per sorvolare gli oceani e atterrare, dare una mano, ripartire, nel cuore occhi che ci sorridono: “A buon rendere!”. È una vera magia, un’opportunità per tutti: non lasciatevela scappare.

Lo dice anche Leonard Cohen in “Please don’t pass me by” (1970) e “Show me the place” (2012).

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ius soli, il Pd dà la colpa al M5s. Ma il problema è che Ap non vuole più la legge

next
Articolo Successivo

Olanda, 12enne rifiuta chemioterapia. I giudici: “Sì all’autodeterminazione: stop alle cure”

next