Saranno anche cazzi suoi, ma ora sono pubblici. Gianna Nannini ha recentemente pubblicato un’autobiografia, intitolata appunto Cazzi Miei (edita Mondadori), dove ha rivelato aspetti inediti della sua vita privata: grande spazio alle donne del suo cuore, la figlia Penelope e la compagna Carla che, secondo quanto ha dichiarato al Corriere della Sera, è pronta a sposare. Sette anni fa la rockstar senese è diventata mamma per la prima volta e, da allora, ha deciso di vivere questa sua nuova vita lontano dal Bel Paese.

Ho scelto di vivere a Londra perché così mia figlia Penelope può crescere senza preconcetti. Ho pensato di darle garanzie e rispetto. Allora (sette anni fa, ndr) da noi non c’erano nemmeno le unioni civili, figuriamoci la stepchild adoption. Londra è tutto il mondo, tutti i colori diversi che stanno assieme, ma gli inglesi son sempre stati ‘brexit’”, ha dichiarato la Gianna Nazionale.

Certo, ogni tanto sente la nostalgia della sua Italia: “Mi manca la mia terra. Mi manca il mio vino. Tornerò prima o poi per vivere questo lato legato alla natura”. Ma non si sente tutelata: “Non ci sono leggi, in Italia, che mi garantiscano cosa succederebbe a Penelope se me ne andassi in cielo. Quindi me ne vado in questo Paese, l’Inghilterra, dove sono rispettata nei miei diritti umani di mamma”. E presto, sempre nella città londinese, si unirà civilmente con la sua compagna. “Io guardo Carla e mi fida solo di Carla”. Si amano.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Domenico Diele, disponibile il braccialetto elettronico: l’attore ai domiciliari

next
Articolo Successivo

Naike Rivelli sfrattata dalla sua casa di Roma. Ma la mamma Ornella Muti non vive lì: “Che ne sa lei dei problemi di casa dei figli che sono adulti?”

next