Domenico Diele lascerà il carcere di Salerno e sarà posto agli arresti domiciliari nella casa della nonna, a Roma. E’ infatti disponibile da questa mattina il braccialetto elettronico al quale il gip del Tribunale di Salerno aveva subordinato l’esecuzione della misura degli arresti domiciliari per l’attore che, nella notte tra il 23 e il 24 giugno, ha investito e ucciso una donna di 48 anni che viaggiava a bordo di uno scooter sull’autostrada A2 all’altezza dello svincolo di Montecorvino Pugliano, in provincia di Salerno

L’attore, noto per aver recitato in serie tv di successo come ‘1992’, è poi risultato positivo ai test per uso di cocaina e hashish.  Portato nel carcere salernitano di Fuorni, il 26 giugno scorso il gip di Salerno, al termine dell’udienza di convalida dell’arresto per omicidio stradale aggravato, ha disposto per Diele gli arresti domiciliari con braccialetto elettronico. Dopo 10 giorni il braccialetto elettronico è oggi disponibile, Diele potrà quindi lasciare il carcere di Fuorni e sarà trasportato a Roma nelle prossime ore.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Villaggio, l’addio sulle note di De André. Il figlio: “Sarebbe felice. Aveva paura di morire durante i mondiali”

prev
Articolo Successivo

Gianna Nannini sposa la compagna: “Ho scelto Londra con mia figlia e Carla. L’Italia non mi tutela nei miei diritti di mamma”

next