“Nonostante qualche passo in avanti, la velocità dell’Ue resta drammaticamente al di sotto delle esigenze di governo e gestione del fenomeno migratorio. Bene le procedure di infrazione ai tre paesi che non rispettano l’intesa, ma non basta. Vogliamo sapere se l’Ue c’è, con le sue risorse e il suo impegno, o se dobbiamo cavarcela da soli. Possiamo farcela, ma se l’Ue vuole scommettere sul suo futuro deve avere una politica migratoria comune”. Lo ha detto il premier Paolo Gentiloni nelle sue comunicazioni a palazzo Madama in vista del Consiglio Ue di domani e venerdì.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Incontro M5s-Lega, Davide Casaleggio: “Calabresi mi ha dato del bugiardo, lo denuncio. Bieca operazione politica”

next
Articolo Successivo

Roma, Raggi: “Per cambiare la città ci vuole tempo”. E ai cittadini chiede “pazienza”

next