Dopo il no all’offerta del gruppo cinese Yida Investment, Esselunga punta alla quotazione in Borsa. Gli eredi di Bernardo Caprotti, tra cui Giuliana Albera e sua figlia Marina che hanno la quota di controllo della catena di supermercati, hanno infatti raggiunto un accordo per il riassetto. Che porterà come obiettivo finale alla quotazione di Esselunga a Piazza Affari. Secondo fonti finanziarie, i membri della famiglia hanno già definito i rapporti societari, patrimoniali e di successione. In una prima fase Esselunga acquisirà il controllo dell’immobiliare Villata Partecipazioni. Poi lo sbarco in Borsa della holding Supermarkets Italiani.

La settimana scorsa una holding cinese ha offerto 7,3 miliardi per i supermercati e la società che ha in pancia gli immobili, ma la Albera e Marina Caprotti hanno fatto sapere che Esselunga “non è in vendita”. Caprotti, nel suo testamento, si era invece augurato che gli eredi cercassero un alleato o un compratore estero. “Ahold (gruppo olandese della grande distribuzione, ndr) sarebbe ideale. Mercadona (rivale spagnolo, ndr) no”, scriveva il fondatore, scomparso nel 2016.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Banche popolari venete, al via l’operazione di sistema condizionata targata Intesa Sanpaolo

prev
Articolo Successivo

Diamanti da investimento, acquisiti documenti in Intesa Sanpaolo, Unicredit e Mps. Inchiesta su truffa ai clienti

next