Non solo una cintura esplosiva ma anche una bomba imbottita di chiodi inesplosa. È quanto riportano i media locali sul kamikaze che ha seminato il panico nel tardo pomeriggio di ieri a Bruxelles. L’attentato è stato sventato, poco dopo le 20.30, dagli agenti di guardia nella stazione Gare Central, vicina alla Grand Place. L’uomo – attorno ai 35 anni, riferiscono i testimoni – indossava una cintura esplosiva, ma “è stato neutralizzato” dalle forze dell’ordine poco prima che potesse farsi saltare in aria. È riuscito solo ad azionare una carica esplosiva “a bassa intensità” contenuta in un trolley che portava con sé.

“Ha gridato Allah Akbar e poi abbiamo sentito l’esplosione, avvenuta vicino al mezzanino. Ero con un mio collega, che ha pensato a una bomba”, ha raccontato uno dei capostazione alla Derniere Heure.

Il corpo del presunto kamikaze è rimasto a terra per diverso tempo perché è stato necessario l’intervento degli artificieri: dai vestiti, infatti, gli agenti hanno notato la presenza di diversi fili elettrici che farebbero pensare alla presenza di una cintura esplosiva. “La situazione è sotto controllo: una persona è stata neutralizzata dopo una piccola esplosione, non ci sono altri feriti”, ha comunicato la polizia via Twitter.

La zona è stata evacuata e la circolazione dei treni e della metropolitana è stata sospesa per un paio d’ore. Fino a sera, le persone che si trovavano nei ristoranti e nei locali della zona sono stati costretti a rimanere all’interno per facilitare le operazioni di controllo delle forze dell’ordine che hanno pattugliato le vie più vicine alla stazione.

 

Il Fatto Internazionale - Le notizie internazionali dalle principali capitali e il dossier di Mediapart

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Terrorismo: ecco chi è Adan Lofti, l’uomo che ha spaventato Parigi. “Era segnalato come radicalizzato, ma con porto d’armi”

next
Articolo Successivo

Francia, si dimette anche il ministro della Giustizia Bayrou. Oggi il nuovo governo

next