Uccisa al quinto mese di gravidanza: l’esame autoptico ha rivelato che Anastasia Shakurova, la trentenne russa uccisa ieri a Mestre insieme al compagno dall’ex fidanzato, aspettava un bambino. Stefano Perale, ex compagno della donna, aveva invitato a cena Anastasia e il suo nuovo compagno, Biagio Junior Buonomo, ingegnere di 31 anni, nel suo appartamento di via Abruzzo. A tavola, li avrebbe storditi con un narcotico – il cui uso potrà essere confermato solo dagli esami tossicologici – nascosto nelle bevande e poi li ha uccisi. È stato lo stesso Perale, professore di 50 anni, a dare l’allarme telefonando alla polizia: “Venite, ho ucciso due persone”.

L’esame sulle due vittime, effettuato dall’anatomopatologo Antonello Cirnelli, avrebbe confermato che la giovane donna è stata soffocata dall’omicida, con una violenta pressione sul naso e sulla bocca, forse con un fazzoletto. Il suo compagno è stato invece ucciso probabilmente con più colpi di spranga, almeno cinque volte solo alla testa. Il legale di Perale, l’avvocato Matteo Lazzaro, ha riferito che nel primo interrogatorio il suo assistito si è avvalso della facoltà di non rispondere: “E’ molto provato per l’accaduto, molto stressato”. Il collegio difensivo, di cui fa parte anche l’avvocato Nicoletta Bortoluzzi, ha già nominato un perito medico legale e sta valutando l’ipotesi di chiedere una perizia a un secondo consulente.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Bergamo, donna investe e uccide il suo ex compagno: la minacciava con un coltello

next
Articolo Successivo

Omicidio Varani, Prato e Foffo in cerca di “qualcuno da uccidere”. Il massacro a colpi di martello e coltellate

next