Invitati a cena, narcotizzati e uccisi. È successo la notte scorsa a Mestre, in provincia di Venezia, dove una coppia di giovani fidanzati di 30 anni è stata uccisa all’interno di un appartamento in via Abruzzo. A dare l’allarme alla polizia lo stesso omicida, ex fidanzato della donna, con una telefonata al commissariato: “Venite, ho ucciso due persone”.

Un omicidio passionale premeditato, a partire dalla sostanza narcotizzante mescolata alla bevanda servita durante la cena. Secondo una prima ricostruzione, dopo essere stati storditi con il narcotico, la donna, di origine russa, è stata soffocata mentre l’uomo è stato finito a bastonate, fuori dell’appartamento, come testimonia una grande pozza di sangue all’ingresso della palazzina. L’omicida è ancora sotto interrogatorio.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Agrigento, ucciso dopo aver difeso un’amica dagli insulti: 22enne accoltellato a morte davanti a un pub

prev
Articolo Successivo

Bergamo, donna investe e uccide il suo ex compagno: la minacciava con un coltello

next