‘Ndrangheta e corruzione. L’intervento del procuratore generale di Palermo Roberto Scarpinato, al convegno nazionale di Magistratura Democratica a Reggio Calabria, traccia uno spaccato inquietante e attuale di come le mafie “silenti” e “mercatiste” stanno condizionando il Paese non più guidato dalla politica ma dall’economia. “C’è una verticalizzazione progressiva dei processi di decisione di spesa – spiega Scarpinato -. Pensiamo alla Consip (appalti di miliardi e mezzo che prima erano frammentati in centinaia di micro appalti) o all’erogazione dei fondi europei. Per capire cosa sta succedendo bisogna guardare il nord, dove le componenti più evolute delle organizzazioni mafiose offrono beni e servizi illegali. Domanda e offerta che non è alimentata solo dalle persone normali, ma anche dagli operatori economici che stanno sul territorio i quali chiedono alle mafie servizi illegali che consentono di abbattere i costi di produzione”. In questo contesto, la norma del “416 ter è post datata, da prima Repubblica – aggiunge il magistrato -. Prima era la politica che governava l’economia. Oggi abbiamo una politica che deve solo eseguire le direttive della Commissione europea e della Banca europea. L’accesso alle cabine di regia dove si decidono i grandi affari è riservato soltanto ad élite delle nomenclature politiche ed élite delle aristocrazie mafiose, network di potere di cui fanno parte esponenti di mondi diversi”. 

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Emilio Fede condannato per concorso in bancarotta a 3 anni e mezzo. Da Ruby ai fotoricatti tutti i guai dell’ex direttore

next
Articolo Successivo

Licenziato ingiustamente, da dieci anni il marinaio attende giustizia

next